.
Annunci online

  principessalea [ "Quando si spara, si spara, non si parla..." Notizie sparse da Svezia, Spagna e Inghilterra ]
         


What are you thinking about?
Tutti sono liberi
Mia sorella è figlia unica
SpanEnglish
Chirurgia Plastica
Cattura il tempo che passa
Metrosessuale
W le lavatrici
Sindrome di Pigmalione
Blog-mania
L'Italia è un emozione
Cheese Cake
L'arte di perdere
Frigida ero...
Paura
Vergine
iVibrator
Il dolore
Gonne molto maschili
Uomini con le gonne
Il mio primo matrimonio gay!
Intervista ai Rospi in Chat!
Riscaldamento globale!
Stephen King – On Writing
non aprire...
Maldive...
Io sono Sick Boy...
Lo strano caso del cane
Who can we trust?
Carmen Callil
Delfini
What I loved
Ladysitter...
Che dio lo benedica...
Buonanotte John-Boy...
Sindrome di Clérambault













































































































































































































































































































































































































































































































































































>






















































































































































































































































































































































































































19 gennaio 2007

Frigida ero, come la neve...

Pygmalion's Bride
Carol Ann Duffy

Cold, I was, like snow, like ivory.
I thought He will not touch me
but he did.

He kissed my stone-cool lips,
I lay still
as though I'd died.
He stayed.
He thumbed my marble eyes.

He spoke -
blunt endearments, what he'd do and how.
His words were terrible.
My ears were sculpture,
stone-deaf, shells.
I heard the sea.
I drowned him out.
I heard him shout.

He brought me presents, polished pebbles,
little bells.
I didn't blink,
was dumb.
He brought me pearls and necklaces and rings.
He called them girly things.
He ran his clammy hands along my limbs.
I didn't shrink,
played statue, shtum.

He let his fingers sink into my flesh,
he squeezed, he pressed.
I would not bruise.
He looked for marks,
for purple hearts,
for inky stars, for smudgy clues.
His nails were claws.
I showed no scratch, no scrape, no scar.
He propped me up on pillows,
jawed all night.
My heart was ice, was glass.
His voice was gravel, hoarse.
He talked white black.

So I changed tack,
grew warm, like candle wax,
kissed back,
was soft, was pliable,
began to moan,
got hot, got wild,
arched, coiled, writhed,
begged for his child,
and at the climax
screamed my head off -
all an act.

And haven't seen him since.
Simple as that.  

La sposa di Pigmalione
Frigida ero, come la neve, l’avorio. Pensai Non mi toccherà, lo fece. Mi baciò le labbra di pietra. Stavo immobile come morta. Persistè. Passò col pollice sui miei occhi di marmo. Pronunciò rozze parole dolci, disse cosa avrebbe fatto e come. Parole terribili. Le mie orecchie erano sculture. Sorde come pietre, come conchiglie.
Sentivo il mare. Lo feci annegare. Lo sentii gridare. Mi portò regali, sassolini levigati, campanelline. Non battei ciglio, Non aprii bocca.
Mi portò perle, collane e anelli li chiamava gingilli da bimba. Mi brancicò con mani appiccicose. Non mi ritrassi. Bella statuina, muta! Mi ficcò le dita nella carne, strizzò, pigiò. Non mi ammaccò. Cercava i segni, cuoricini viola, stelle d’inchiostro, livide spie. Le unghie erano artigli. Non un frego, un graffio, uno sfregio. Mi puntellò coi cuscini, e mi redarguì tutta la notte. Era ghiaccio il mio cuore, era vetro. Era ghiaia la sua voce, strideva. Diceva nero poi bianco. Così cambiai tattica, mi riscaldai come cera di candela, ricambiai i baci, fui morbida, malleabile, cominciai a mugolare, mi feci calda, sfrenata, mi dimenai, spasimai, smaniai, implorai un figlio suo, e nell’orgasmo urlai come invasata – tutta scena. Da allora non l’ho più visto. Semplice, no?

(traduzione all'italiano presa da
http://www.animusetanima.com/dblog/)

 




permalink | inviato da il 19/1/2007 alle 23:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre        febbraio
 


Ultime cose
Il mio profilo



Il mio sito
TheWiseMan
Dave
Ale The Great
Something Funny
A cavallo nell'Alto Lazio
Dove perdo un sacco di tempo
My darling friend
Intervista su Incuriosando
My other darling friend
Toraz
Rossana Campo
Jeanette Winterson
The F world
John Pilger
PD
Info from Sweden
Best Radio
Guida di Londra
Il mio fotografo favorito
Paolo Deganutti


Blog letto 509522 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom