Blog: http://principessalea.ilcannocchiale.it

Voi perché leggete?

Mi avete fatto riflettere sul perché non mi piacciono i gialli...

Li trovo interessanti dal punto di vista della struttura. Posso immaginare lo scrittore elaborare la trama e creare personaggi e moventi per far girare tutto il racconto. Mi sembra quasi che sia più divertente scrivere un romanzo giallo che leggerlo.

Nel leggerlo infatti trovo i segni dove la storia è stata montata. Si arriva alla conclusione solo se l'autore vuole che ci si arrivi. Ci lascia clue calcolate e si puo' dedurre il finale solo se lo vuole lo scrittore / scrittrice. Ma la nostra intelligenza non ha nessun merito! Siamo guidati dall'ideatore.

Altro motivo per cui non li leggo è che sono pigra. Tutto mi costa fatica, anche le cose che dovrebbero essere piacevoli come viaggiare, leggere, imparare un'altra lingua, scrivere - tutto per me è uno sforzo immane. Quando leggo quindi scelgo libri che mi insegnino anche qualche cosa. Li leggo per intrattenimento, certo, ma anche per imparare. Perché oltre che a essere pigra sono anche pragmatica e non faccio nulla se non ne trovo una qualche utilità.

Allora scelgo libri dove penso di scovare insegnamenti di vita, che mi diano gli strumenti per poter capire quello che succede, dove si sbaglia nei rapporti con le persone, nelle scelte che si fanno a tutti i bivi che dobbiamo prendere. Scegli l'altra strada, a volte sono decisioni lunghe e sofferte, a volte è solo una questione di un attimo, e la vita è tutta diversa!

A volte trovo risposte a dei miei dubbi, a volte esempi da seguire...o da evitare. A volte il libro mi dice:nessuno ha capito niente in questo mondo, non ti illudere di trovare risposte dentro di noi perché siamo stati scritti da essere umani esattamente come te.

Ma questo non mi fa desistere e contino a cercare risposte.

E voi perhè leggete?

Pubblicato il 27/2/2009 alle 2.19 nella rubrica Libri.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web